Guida ai concerti

Non fate i nonni: la guida ai buoni motivi per uscire di casa dal 13 al 19 Febbraio

Archiviati il Festival di Sanremo e (quasi) il carnevale, è ora di pensare al futuro: per festeggiare San Valentino o per trovare la vostra anima gemella, non c’è niente di meglio di un concerto; perché, si sa, l’affinità musicale è fondamentale per un rapporto!

Ogni settimana vi proponiamo una accurata selezione dei concerti in arrivo nelle città italiane: quelli da non perdere per nessun motivo, quelli che non vi faranno rimpiangere di aver sfidato il freddo, quelli che resteranno come serate da raccontare... ai vostri nipoti.


ABANO TERME

Venerdì 16 febbraio

  • Laboratorio Culturale I'M: MATTEO GOBBATO - NICOLA LOTTO - BUZZY LAO / una serata per gli amanti del blues, del cantautorato e delle sonorità acustiche. 


Sabato 17 febbraio

  • Laboratorio Culturale I'M: Cento scimmie :"Fragile" release party: opening act Zagreb rock band / Siamo alla stretta finale. É stato come avere un cane feroce pronto a sbranarci ogni volta che non suonava come volevamo, ma abbiamo avuto la meglio noi: ora il disco è pronto e sarà lui a sbranare le vostre orecchie. Apriranno gli Zagreb rock band, e da quel momento in poi saranno cazzi vostri! "FRAGILE" è pronto e noi siamo armati fino ai denti.


ASTI

Venerdì 16 febbraio

  • Diavolo Rosso: Indi(e)avolato - Pinguini Tattici Nucleari opening Il Colle :::SOLD OUT::: / La data Torinese dei Pinguini Tattici Nucleari (sempre targata Indi(e)avolato) è andata Sold Out in prevendita. Questo la dice lunga sul seguito di questo giovanissimo gruppo attualmente in Italia. Per la prima volta ad Asti un vero e proprio fenomeno!

         

Domenica 18 febbraio

  • Diavolo Rosso: Hawaii Zombies / Dal 2016, gli Hawaii Zombies (Gian, Dani, Crem e Giulia) suonano brani dal sapore lo-fi in un garage nel sottosuolo della Chinatown di Milano. Cresciuti e trasportati da una grande passione per il disagio, le sonorità e le fantasie distorte anni 90, gli Hawaii Zombies amano il Braulio ed esibirsi dal vivo. Non credono nei post sponsorizzati e nelle canzoni che durano più di 3 minuti. Il video del loro primo brano “Dark Side of The Nerd Moon” anticipa l’EP in uscita a settembre 2017. Gli Hawaii Zombies suonano ovunque: Bellinzona, Milano, Asti, Torino, Londra.

 

AVELLINO 

Martedì 13 Febbraio

  • Tilt: Eustachio / Eustachio Frongillo è un cantautore che fa l'equilibrista tra l'approccio dei vecchi canzonieri di provincia e il piglio di un uomo moderno che brucia di vitalità e vuole gridare al mondo i suoi pensieri! Arriva da noi full band, prima volta al Tilt per lui e ci sarà da divertirsi!

 

Venerdì 16 febbraio

  • Tilt: The Sonics :UNICA DATA NEL SUD ITALIA!: / Abbiamo provato i loro pezzi nei garage per anni, siamo cresciuti viaggiando con la loro musica nelle autoradio, abbiamo imparato a spezzare bacchette e a consumarci le mani su corde di chitarra suonando Louie Louie, Psycho, The Witch, Money, Cinderella, le loro musiche sono nelle colonne sonore di film che abbiamo amato e i loro dischi sono delle pietre miliari che hanno contribuito a creare la loro leggenda.


BERGAMO

Venerdì 16 febbraio

Sabato 17 febbraio


BOLOGNA


Mercoledì 14 febbraio

  • Locomotiv: ALGIERS :unica data italiana: / Dopo il sold out della data di Torino lo scorso 13 novembre, tornano a grande richiesta gli ALGIERS. La band di Atlanta si esibirà infatti sul palco di un altro club di riferimento della musica italiana: il LOCOMOTIV di Bologna il 14 febbraio 2018 per un unico appuntamento promosso da RADAR Concerti. Continua inarrestabile il successo della band in seguito all'uscita dell'album THE UNDERSIDE OF POWER, pubblicato lo scorso 23 giugno per l’etichetta indipendente Matador. Osannati da pubblico e critica per la loro sapiente miscela di punk-rock e gospel del profondo Sud americano la band americana sarà impeganta dai primi di gennaio in un lungo tour europeo che toccherà i palchi di Germania, Francia, Croazia e Grecia, solo per citarne alcuni. Franklyn James Fisher (voce, chitarra), Lee Tesche (chitarra) e Ryan Mahan (basso) e Matt Tong (ex batterista dei Bloc Party), scelti da Depeche Mode come special guest del loro tour europeo estivo, portereanno nuovamente in Italia il loro sound travolgente nell'imperdibile live del 14 febbraio al LOCOMOTIV Club di Bologna.


Giovedì 15 febbraio

  • Locomotiv: Bianco // Dopo tre dischi, centinaia di concerti e gli ultimi due anni passati in giro per i palchi di tutta Italia con Niccolò Fabi, Bianco riprende i panni di cantautore e torna con il suo quarto album.
  • Cortile Cafè: Angelo Sicurella // Angelo Sicurella (Palermo 1981), cantante e musicista impegnato nell’ambito della musica elettronica, del synth pop e della musica sperimentale, nella combinazione di materiali musicali del repertorio della musica classica e della musica sacra e profana con la musica elettronica. Il suo primo lavoro solista, Orfani per desiderio, è uscito nel corso degli anni 2015/2017, diviso in tre capitoli musicali, seguiti da una trilogia video, diretta dalla regista palermitana Manuela Di Pisa. L’album racconta la vicenda accaduta nel 2013 al largo delle coste di Lampedusa, quando 366 persone morirono in preda a un mare calmo. Il suo primo LP solista uscirà il 17 Novembre 2017 e si chiamerà “Yuki O”.
    Attualmente voce ed elettronica degli Omosumo, band palermitana che ha calcato svariati palchi in Italia e all’estero e partecipato a festival di rilevanza internazionale (Ypsigrock Festival di Castelbuono, Spring Attitude al Maxxi Museo di Roma, il SXSW in Austin – Texas, ecc.), oggi al loro terzo disco.
    Nell’ambito della musica sperimentale, ha usato la sua voce nel mondo della improvvisazione radicale in collaborazione con diversi artisti, tra cui l’orchestra Fete Foreign, realizzata da Barre Philips in collaborazione con CRAMS, IVAN ILLICH - con A. Sicurella come unica voce di un ensemble di 27 elementi.


Venerdì 16 febbraio

  • Locomotiv: Nic Cester & The Milano Elettrica / Nic Cester, una delle voci più potenti del rock, torna con il suo primo album solista, Sugar Rush, dopo il successo mondiale con i Jet, band australiana che nei primi anni 2000 ha scalato le classifiche di tutto il mondo vendendo più di 6 milioni di dischi. Il cantante presenterà il suo nuovo album in Italia venerdì 16 al Locomotiv Club di Bologna. Dal vivo Nic Cester è accompagnato dalla The Milano Elettrica, super band tutta italiana di nove elementi con due batterie e una sezione di fiati di cui fanno parte anche Sergio Carnevale (Bluvertigo), Daniel Plentz (Selton), Adriano Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion), Roberto Dragonetti e Raffaele Scogna. Sugar Rush è un disco che nessuno si aspettava: un mix di soul, blues, colonne sonore italiane vintage e puro talento musicale. Questo nuovo progetto ha un suono completamente diverso da quello che Cester ha prodotto in passato, ma conferma il suo grande talento per arrangiamenti e le melodie. 


Lunedì 19 Febbraio

  • Covo Club: Vök // Vök (nome islandese che sta per "buco nel ghiaccio") è una band elettronica dream-pop di Reykjavík, inizialmente formata da Margrét Rán (voce, chitarra, tastiere), Andri Mar (sassofono, synth) nel 2013. Registrarono presto il loro EP di debutto 'Tension' attraverso l'etichetta islandese Record Records, ed ebbero subito recensioni positive e brillanti.
    Subito si aggiunsero due componenti, Ólafur Alexander (chitarra, basso) e Einar Stef (batteria) che si unirono alla band - iniziarono a diventare sempre più se stessi con il loro secondo EP “Circles”. Acclamato da Noisey come "la moderna sensualità di The Knife", l'EP di “Circles” ha ottenuto un plauso ancora più positivo.
    Dopo aver suonato in numerosi festival in Europa, acquisendo molti nuovi fan con il loro marchio di elettronica onirica con voce melodica, la band ha presto catturato l'attenzione di Nettwerk Music Group. Aprile 2017 ha visto l'uscita del loro attesissimo debutto LP "Figure" con il consenso della critica. Prodotto da Brett Cox, collaboratore di Jack Garrett, “The Line of Best Fit” lo ha definito un "brillante album di debutto".


BRESCIA

Venerdì 16 febbraio

  • Latteria Molloy: Sick Tamburo opening act Le Capre a Sonagli


Sabato 17 febbraio

  • Latteria Molloy: MORGAN & MEGAHERTZ opening Sarah Stride / Il tema è “Bioelectric”, una dimensione dove uomo e strumento sono collegati in sincrono, cervello, cuore e arti sono un tutt’uno con le macchine che danno vita ai diversi suoni. Un live durante il quale i due si cimentano nel sviluppare il tema attraverso i diversi strumenti sistemati con uno schema ben preciso sul palco, in un turbinio di emozioni e sensazioni e con una scaletta di brani ogni volta volutamente diversa, costruita e disegnata come un opera d’arte sul nascere a secondo delle vibrazioni del momento e dell’evolversi delle situazioni.
    Un percorso che naturalmente abbraccia i brani più conosciuti di Morgan e dei Bluvertigo, gli omaggi ai mostri sacri della musica internazionale che hanno accompagnati i due artisti durante la loro crescita artistica, tra i tanti David Bowie, Depeche Mode, Duran Duran, Kraftwerk ed il cantautorato italiano di grande livello, solo per citare alcuni nomi, Bindi, Tenco, Modugno, De Andrè.

CASERTA

Venerdì 16 febbraio

  • SMAV: Calibro35 / I Calibro 35 sono un supergruppo funk-jazz italiano formatosi nel 2007 a Milano. Il loro sound è ispirato dalle colonne sonore di molti film di genere poliziottesco tipici dell'Italia degli anni settanta. A 10 anni dal loro esordio Calibro 35 pubblicano il loro sesto album in studio. “Decade”, che uscirà il 2 febbraio per la label milanese Record Kicks, più che una celebrazione è una time capsule, in cui la band ha inserito tutti gli elementi di cui si è composta la sua storia finora, per volgere lo sguardo in avanti.


FIRENZE

Sabato 17 Febbraio

  • Tender club: Coma-Cose, Inverno tour / La nostra musica suona come "gli ingressi dei palazzi di Milano di notte".


LATINA

Venerdì 16 febbraio

  • Sottoscala9: Surfer Joe + Banzai Hawaii // *** SURFER JOE ***  The International Surf Music Ambassador, Uno dei musicisti più attivi al mondo nella surf music, con migliaia di concerti alle spalle dagli anni 90 in poi e spesso sullo stesso palco insieme a leggende del genere. Torna dopo tanto tempo a Latina e per la prima volta al Sottoscala 9! *** BANZAI HAWAII *** Band strumentale pontina formatasi nel 2016, propone una miscela di surf music, rock'n'roll, garage e beat.


Sabato 17 febbraio

  • Sottoscala9: Elephant Claps / Orecchie progettate per catturare melodie, zampe che marcano multigroove e una proboscide polifonica: sono le caratteristiche che rendono unico Elephant Claps, sorprendente progetto musicale che fa il suo esordio discografico con un album, omonimo, uscito il 14 aprile 2017.
    Sei i volti che cavalcano questo curioso pachiderma e che si affidano esclusivamente alle loro voci, senza necessità alcuna di altri strumenti, per comporre e proporre la propria musica. La sfida è dimostrare come aria, pressione e corde vocali siano più che sufficienti per disegnare un universo colorato di suoni afro-funk- jazz.
    Un soprano, un mezzo soprano, un contralto, un tenore, un basso e un beatboxer sono dunque gli unici ingredienti di un gruppo a cappella che non si limita ad armonizzare melodie ma si comporta come se fosse una vera e propria band.


MESSINA

Sabato 17 febbraio

  • Retronouveau: HÅN  / Classe 1996, è una ragazza accompagnata dalla sua chitarra e dal suo computer.  La musica di HÅN si riversa sull’ascoltatore con la delicatezza di un ruscello di acqua limpida, fresca e cristallina. Anticipato dal singolo The Children in anteprima streaming da The line of best fit e 1986 lanciato dallo statunitense Gorilla vs. Bear, l’EP di debutto è un’intensa creatura synth-pop in cui i tappeti di synth e le chitarre si uniscono ai ritmi pulsanti della drum-machine. Con questi brani HÅN ha superato il milione di ascolti su Spotify. 


MILANO

Giovedì 15

  • Circolo Arci Ohibò: Sofi Tukker / IL BRANO “DRINKEE” CONTA OLTRE 42 MILIONI DI STREAM SU SPOTIFY E HA RICEVUTO UNA NOMINATION AI GRAMMY AWARDS 2017 COME "BEST DANCE RECORDING". APPLE SCEGLIE IL NUOVO BRANO “BEST FRIENDS” COME COLONNA SONORA DELLO SPOT DELL'IPHONE X.


  • Arci Cicco Simonetta: Gnut / Claudio Domestico (Gnut), napoletano classe '81 è un cantautore, chitarrista, produttore e compositore di colonne sonore. 


Venerdì 16 febbraio

  • Arci Cicco Simonetta: Simona Severini /La musica di Simona Severini è un crossover originale che mescola molti generi musicali, dal pop al jazz alla musica rinascimentale. Passa da canzoni di sua composizione a rivisitazioni di brani scelti tra le arie di Monte-verdi, di Stefano Landi e canzoni di Enzo Jannacci mantenendo una forte matrice folk e un approccio sempre molto personale nel sentire la musica. 


Sabato 17 febbraio

  • Arci Cicco SimonettaMaria Devigili /Cantautrice, chitarrista trentina, compone fin dalla più' tenera eta'. Muove i primi passi nella musica live suonando in strada. Due dischi e un ep all' attivo. A febbraio 2018 uscirà il suo terzo album, Tempus Fugit (Riff Records/ Cardio Productions). Nell' autunno 2017 il suo videoclip La Trasformazione viene ammesso al primo ballottaggio dei Grammy Awards.


MONZA E BRIANZA

Venerdì 16 febbraio

  • Arci Tambourine: Dutch Nazari / Dutch Nazari, classe 1989, è nato e cresciuto a Padova, dove all’età di 16 anni si è avvicinato alla scena hiphop, contribuendo a fondare il collettivo Massima Tackenza. Negli anni dell’università, l’incontro con il poeta Alessandro Burbank e con il producer Sick et Simpliciter (al secolo Luca Patarnello) lo hanno portato ad avvicinarsi a sonorità elettroniche e a mescolare le metriche del rap con la cifra comunicativa dei poetry slam. Nel 2014 Dutch Nazari entra nel roster di Giada Mesi, etichetta fondata da Dargen D’Amico, con la quale nell’autunno dello stesso anno pubblica l’ep dal titolo “Diecimila Lire”. L'ep, interamente prodotto da Sick et Simpliciter, riscuote grande interesse sia da parte della critica che del pubblico, posizionandosi ai vertici delle classifiche dei “migliori dischi del 2014” dei principali portali del settore. Nell'estate del 2016 esce l'ep “Fino a Qui”, che che prepara la scia per il primo album ufficiale "Amore Povero" uscito il 17 marzo 2017. L'album (13 tracce) è ancora una volta il frutto della collaborazione con Sick et Simpliciter, presente sia in studio nella realizzazione del progetto, che sul palco nelle performance live. Per la distribuzione di questo progetto, alla label Giada Mesi si affianca l’etichetta discografica Undamento. L’uscita dell’album porta alla consacrazione nazionale, con un tour di decine di date in tutta Italia, e la partecipazione a festival di grande prestigio come il Mi Ami (Milano) e l'AMA Festival (Asolo). Amore Povero riceve recensioni positive da riviste e giornali dall’estrazione più varia, da Rockit a La Repubblica, proiettando il progetto al di fuori del genere musicale “rap”. Al termine dell’estate 2017 l’artista dichiara di essere rientrato in studio per incidere nuova musica.


PALERMO

Sabato 17 febbraio

  • I Candelai: Fast Animals and Slow Kids / Torniamo sui palchi.  In fondo è tutto molto semplice. Grandissime congetture, enormi strategie di marketing d’assalto, complessi studi mediatici ma la verità è che ci manca semplicemente il palco e vogliamo suonare fino a perdere il respiro, fino all’ultima goccia di sudore, prima che il tempo possa farci perdere tutta la rabbia che mettiamo in ogni singola nota. Dieci date, Febbraio e Marzo. Ci fermiamo quando nasce la primavera, poco prima che arrivino le rondini. Questo tour lo dedichiamo a tutti coloro che sono stati (e che saranno) con noi in questo percorso sempre in salita fatto di concerti sotto la pioggia, concerti di fronte al mondo e di fronte al nulla, di furgoni, di Autogrill, di ospedali, di sbagli, di corde rotte e cuori spezzati. Saranno 10 date importanti e diverse. Nuovi suoni, nuove scalette, pezzi vecchissimi e pezzi attuali, metteremo dentro tutto quello che abbiamo nascosto nei ricordi per tanto tempo, nella piccola speranza che ogni serata possa diventare una fotografia più realistica possibile di ciò che siamo oggi, una fotografia che rimarrà per sempre impressa nella nostra memoria. Non ci importa quanta fatica ci costerà, vivremo ogni concerto come l’ultimo e il più importante della nostra vita: fianco a fianco tra un accordo e l’altro, con il cuore aperto e il cervello in fiamme, prendendoci a pugni e poi fasciandoci le dita, cadendo per terra e poi rialzandoci, urlando con tutta la pressione che può sopportare la gola, dormendo un’ora al massimo, pensando che forse la felicità è sempre stata qua accanto, nella musica che invade la nostra anima.


PISTOIA

Sabato 17 febbraio

  • H2NO: Sick Tamburo / I Sick Tamburo nascono nel 2007 da un’idea di Elisabetta Imelio e Gian Maria Accusani, già precedentemente uniti nell’avventura Prozac+. Elisabetta e Gian Maria scelgono il nome Sick Tamburo, inizialmente pensato per il progetto di percussioni noise di Gian Maria ora conosciuto come Hardcore Tamburo. I Sick Tamburo iniziano pubblicando su MySpace alcuni brani (Intossicata, Finché tu sei qua, Topoallucinazione e Quel paese) e su YouTube il video di Tocca 24/7 dove appaiono con maschere bianche per celare i volti. Decidono di avvalersi di nicknames: Gian Maria sceglie Mr Man, mentre Elisabetta opta per Boom Girl. Vengono tuttavia riconosciuti ed abbandonano le maschere decidendo però di utilizzare dei passamontagna per motivi estetici. Si affidano fin da subito a La Tempesta Dischi, collettivo d'artisti indipendente capitanato da Tre allegri ragazzi morti, anch'essi pordenonesi. 


PRATO

Sabato 17 febbraio

  • Capanno Black-out: Giancane / Componente del celebre gruppo romano “Il Muro del Canto”, Giancane è un cantautore folk e rock’n’roll, dal grande senso dell’umorismo e dalla chiara vocazione country.


ROMA

Martedì 13 febbraio

  • Le Mura: Lingue sciolte / "Lingue Sciolte" (nella formazione attuale) prende vita nel 2016. Dopo un'estate piena di live in club e festival (collezionando anche importanti concerti d'apertura tra i quali "Lo Stato Sociale", i "No Braino”,gli EX-OTAGO, gli "Après la Classe") entrano in studio a settembre per incidere quello che sarà il primo singolo ufficiale della band, "Cose Che Vorrei Chiederti". A febbraio il secondo singolo, "Woody Allen".  Il 19 maggio esce il disco NEVE, prodotto da ALTI Records, in versione fisica e digitale. Dopo un’estate piena di concerti e concorsi a dicembre viene pubblicato in anteprima su Rolling Stone il singolo “Neve”.  Le lingue Sciolte sono attualmente in tour per la promozione del disco.


  • Na Cosetta: Time for T / Usciti fuori dalla creativa città di Brighton, nel sud dell'Inghilterra, i Time for T. hanno riunito nelle loro sonorità i ritmi afrobeat con il folk e il rock'n'roll. Dopo una serie di EP e di concerti in tutto il mondo, da New York a Berirut, da Los Angeles a Berlino, il gruppo guidato dal frontman Tiago Saga ha registrato finalmente l'album di debutto "Hoping Something Anything". Il risultato è stato subito incredibile con i primi singoli passati in rotazione su BBC Radio 1 e posizioni altissime nelle Viral Chart di spotify.


Giovedì 15 febbraio

  • Monk: Nic Cester & The milano elettrica / Nic Cester il cantante della band australiana Jet, che nei primi anni 2000 ebbe grande successo con il singolo "Are You Gonna Be My Girl". Il suo primo disco solista si intitola "Sugar Rush" e racchiude un mix di sonorità tra soul, blues e colonne sonore italiane con un tocco vintage. Nel Tour sarà affiancato da una band tutta italiana di nove elementi chiamata The Milano Elettrica, con due batterie e una sezione di fiati di cui fanno parte anche Sergio Carnevale (Bluvertigo), Daniel Plentz (Selton),Adriano Viterbini (BUD SPENCER BLUES EXPLOSION), Roberto Dragonetti e Raffaele Scogna.


Venerdì 16 febbraio

  • Na Cosetta: VonDatty /  Con "Ninnenanne" il cantautore VonDatty (Official) conclude la sua "Trilogia della notte". Progetto cominciato nel 2012 con "Diavolerie" e nel 2014 con il secondo disco "Madrigali" da cui è estratta la sua traccia più rappresentativa "L'amore malato". Per questo nuovo concerto chiama a raccolta il suo gruppo e ospiti speciali con cui condividere il palco per una grande festa. 


  • Le Mura: Stefano Palmieri's birthday party / Il 16 Febbraio a le Mura presenterà un'anteprima delle nuove canzoni in duo con Ezio Capuano, fra soli di chitarra, racconti, loop station, batterie elettroniche e synth. Stefano Palmieri è un cantautore e musicista tarantino. Dopo gli studi al Saint Louis College of Music e forte dell'esperienza come cantautore ad Officina Pasolini, debutta con il suo primo EP nel 2015 intitolato #CantautoredaSpiaggia. Decide di presentare il suo lavoro in un tour piuttosto insolito: munito di chitarra, ombrellone illuminato ed un amplificatore a pile, si è aggirato fra le spiagge più belle d'Italia, promuovendo direttamente ai bagnanti le sue canzoni.  Con questo coraggioso tour si è guadagnato l’apertura dell'Indiegeno Fest che ha ospitato nomi importanti dalla scena indie italiana come Niccolò Fabi, Levante, Dimartino, Colapesce, Cammarata e Tommaso Di Giulio. Ha aperto i concerti di Tommaso Paradiso (Thegiornalisti), Bianco, Joe Victor, La Municipàl e Nicolò Carnesi. Il suo EP è stato selezionato per: Premio Bertoli, Folkstudio, Premio Incanto, Premio De Andrè e 1MNext. Il suo riadattamento in lingua tarantina di Creuza de Ma (De Andrè/Pagani) è stato autorizzato dagli eredi di Faber e Mauro Pagani in persona.
    Stefano inoltre è stato nominato dal Corriere di Taranto tra i 3 più illustri tarantini fuorisede.


  • Monk: Go go penguin / Provenienti da Manchester i Gogo Penguin rappresentano una delle novità che più sta riscuotendo attenzione in tutta Europa. Il trio formato dal pianista Chris Illingworth, il bassista Nick Blacka e il batterista Rob Turner attingono in maniera inebriante alle influenze da Brian Eno, di John Cage, dei Massive Attack o Aphex Twin riportando alla mente i colori pumblei delle strade di Manchester in autunno. ll loro marchio di fabbrica è un mash-up di un pianoforte minimalista, linee di basso profondamente propulsive e tamburi di ispirazione elettronica. Sono arrivati nella rosa dei finalisti al Mercury Prize e si sono esibiti in tutto il mondo con spettacoli dal vivo entsiasmani. Dopo il grande successo di "Man made object" esce il 9 febbraio il nuovo attesissimo "A Humdrum Star" che verrà presentato in due esclusive italiane a Roma e Milano.



Sabato 17 febbraio

  • Na Cosetta: Francesca Romana Perrotta / Tre volte vincitrice del premio Musicultura (2007, 2010 e 2016), del Premio Fabrizio De André nel 2009 e finalista al Premio Bianca d'Aponte 2017, la cantautrice salentina ha alle spalle una carriera collaudata fatta di premi e collaborazioni prestigiose (Teresa De Sio, Cristiano De Andrè, Pacifico). Nel suo terzo album “L’Ora di Mezzo” (Filibusta Records) i brani da cantautrice si alternano a canzoni con venature rock, a volte pop, anche grazie anche alla partecipazione di Gianluca De Rubertis (con cui duetta nel brano “Io sono l’egoista”), artista particolarmente specializzato nelle tastiere vintage.


  • Le Mura: EPO / Nelle ultime battute del 2015 gli EPO sono protagonisti di una “trionfale” campagna crowdfunding su Musicraiser per la realizzazione di due lavori indipendenti, entrambi con il producer Daniele “Il Mafio” Tortora; un EP - “Serpenti” - uscito nel Gennaio 2016, e un disco in lingua che unisce tradizione partenopea con un sound internazionale, attualmente in fase di missaggio con Roy Paci nel ruolo di Co-produttore artistico e musicista e con gli archi di Rodrigo D’ Erasmo. Parte delle sonorità di questo nuovo progetto sono state anticipate da "Appriesso 'e stelle" singolo pubblicato il 22 dicembre 2017 che sta ottenendo grande attenzione da parte del pubblico e dalle radio indipendenti.


  • Monk: Ainè / Arnaldo Santoro classe 1991 in arte AINÉ, è un giovanissimo talento con una solida esperienza alle spalle. Il 20 ottobre ‘17 è stato pubblicato UNI-VERSO, Ep che anticipa il prossimo disco di AINÉ. UNI-VERSO fa da ponte tra quello che è stato Generation One e ciò che sarà il prossimo album, in calendario per il 2018 e prodotto da Universal Music Italia. L'Ep è stato anticipato dall'uscita di due singoli “The other side” su Rolling Stone e “Uni-verso” su Elita Milano. Le nuove sonorità strizzano l’occhio agli sviluppi elettronici che hanno invaso il mondo della black music. Il nome dell’Ep ritrae la direzione di un percorso in un Unico Verso, come un moto dinamico ma lineare, costantemente rivolto in avanti. Anche la produzione artistica ha subito un progresso decisivo: affidata ad un team di tre produttori Alessandro Donadei, Emanuele Triglia e Pasquale Strizzi, è frutto di una lunga ricerca su suoni di derivazione più digitale rispetto al precedente lavoro discografico. Il sound si ispira alle più moderne produzioni neosoul/hiphop di stampo americano, ma con più elementi di elettronica. L’intento dei producer è stato quello di dare vita a qualcosa di diverso e innovativo, partendo da una matrice d’ispirazione su cui si è lavorato per modernizzarla e renderla più contemporanea. UNI –VERSO è suonato interamente con strumenti analogici e non con virtual instrument. La scelta si è orientata al riportare al suono quella patina di credibilità che il team ha ricercato per lungo tempo. 


Domenica 18 febbraio

  • Le Mura: NOON / Noon è un progetto musicale che nasce nel 2015. La band è composta da Lorenzo Forte (voce, chitarra acustica) Antonio Tunno (chitarra, cori), Marco Verardo (basso) e Fabrizio Gualtieri (batteria). Il quartetto, ispirato da Radiohead, Sigur Ròs, Daughter, Kula Shaker, cerca di proporre le sonorità fredde caratteristiche della musica nordeuropea e di dar loro veste nuova immergendole nella tradizione musicale italiana con melodie pop e chitarre a tratti morbide, a tratti taglienti e psichedeliche. La band ha pubblicato il primo EP omonimo con la collaborazione di Marte Press nel 2015, è vincitrice delle selezioni provinciali di Arezzo Wave 2015 per la provincia di Lecce. Nel 2016 vince il Gazzetta Music Contest suonando in Piazza del Ferrarese a Bari davanti a migliaia di persone, vittoria che la porta ad esibirsi al Teatro Petruzzelli in diretta televisiva. Condividono il palco con Management del Dolore Post Operatorio, Adriano Viterbini, Calcutta, Baustelle e Roberto Dell'Era. A fine estate 2016 la band entra in studio in studio per registrare il suo primo album, che vede la produzione artistica e la collaborazione straordinaria di Roberto Dell’Era (cantautore e bassista degli Afterhours), il quale, oltre a suonare vari strumenti all’interno dell’album, canta in un brano dello stesso (“Guerra Sugli Alberi”). L’album, intitolato “Rami”, è uscito il 15 Aprile 2017 con etichetta Beta Produzioni/Scuderie Martelive ed è stato presentato a Lecce il 18 Maggio proprio insieme a Roberto Dell’Era. 


Lunedì 19 febbraio

  • Na Cosetta: Phototaxis / Arrivano in Italia per la prima volta gli istraeliani Phototaxis. Superband electro-soul, con base a Tel Aviv, alla costante ricerca della luce nella musica che produce. I testi ricordano poemi e storie del passato, il loro sound nasce invece dal legame unico tra un'artista soul dalla voce ipnotica e misteriosa, Yael Feldinger, e un raffinato compositore di musica elettronica sempre al passo con le nuove tendenze, Itai Tsuk. Il risultato è un'affascinante amalgama di suoni grezzi e sentori di club music.


TORINO

Giovedì 15 febbraio

  • Da Emilia: The Giant Undertow / The Giant Undertow è il progetto solista di Lorenzo Mazzilli, veneto della bassa padovana trapiantato a Bologna. I paesaggi nebbiosi delle sue canzoni nascono da chitarre di fortuna e una voce calda ed intensa. Il risultato è un desert folk profondo, tra l’immobile e l’impetuoso, che strizza l’occhio alla musica d’autore d’oltreoceano (Johnny Cash, Lee Hazlewood, Micah P.Hinson). THE WEAK, il suo primo lavoro discografico si compone di otto storie raccontate solo a metà, in cui le aperture strumentali fanno da guida, al pari delle melodie vocali, in un mondo di immagini scure e stralunate. Accompagnato in varie occasioni da una full-band, negli ultimi tempi Lorenzo sta sperimentando con piacere la dimensione più intima e cruda delle sue esibizioni live: voce e chitarra acustica in ambienti piccoli e raccolti, meglio se al buio. Lorenzo è anche chitarra-voce del The Johnny Clash project, e bassista live per il cantautore texano Daniel Payne. In questi tre anni, come The Giant Undertow, ha diviso il palco con artisti come King Dude e Cult of Youth, ha portato la sua musica su e giù per lo stivale con la sua band, oltre che in Svizzera, Francia, Belgio, Olanda e Germania.


Venerdì 16 febbraio

  • Pop: Venus in furs / Venus In Furs nascono a Pisa. Dopo la vittoria di Italia Wave Toscana e del Lucca Summer Festival nel 2009, vengono inseriti nella compilation promossa da XL - La Repubblica “Woodstock 1969-2009”, insieme ad artisti come Afterhours, Caparezza e Bugo. Nell’Ottobre 2011 esce "Siamo Pur Sempre Animali", disco d'esordio e nell'aprile 2013, dopo l’ingresso in formazione di Giovanni (Batteria), esce l’Ep "BRA! Braccia Rubate All'Agricoltura". Iniziano un tour con più di 80 date in tutta la penisola, suonando con band Diaframma, Ministri, Verdena, Zen Circus, Management del Dolore Post Operatorio e molti altri. Nell’Aprile 2015 sono inseriti nella compilation tributo a Fred Buscaglione “Sotto Il Cielo Di Fred”, insieme a Dente, Perturbazione, Paolo Benvegnù, Brunori SAS e dove per l’occasione propongono una cover di “Voglio Scoprir l’America” del cantautore torinese. Dopo quasi due anni di lavoro viene ultimato “Carnival”, secondo capitolo uscito il 5 Febbraio 2016.


Sabato 17 febbraio

  • sPAZIO211: Stella maris / Stella Maris. Il nuovo super gruppo composto da Umberto Maria Giardini,CappadoniaGianluca BartoloPaolo Narduzzo e Emanuele Alosi, per la prima volta in tour per presentare dal vivo l’omonimo album di debutto pubblicato il 24 novembre da La Tempesta e Khalisa Dischi. Stella Maris è un nuovo progetto. Cullato e accarezzato da reminiscenze anni 80a in cui protagonista è la voce portata per mano da chitarre dal sapore celestiale, Stella Maris rispolvera la purezza di quegli anni riproponendo un quadro dalle tinte tenui e atmosfere pure in cui è facile perdersi. La base da cui tutto scaturisce è sfacciatamente rock, testimoniata anche dalla presenza di sole chitarre basso e batteria, ma non mancano in alcuni episodi radici punk e soprattutto psichedelia, tutto rimescolato e cotto in una forma moderna di spiccata freschezza compositiva. Ugo Cappadonia e Gianluca Bartolo (il Pan del Diavolo) inventano riff accattivanti, sempre accompagnati dalla sezione ritmica di Paolo Narduzzo (Universal Sex Arena) e Emanuele Alosi. Chiude il cerchio Umberto Maria Giardini che in questa occasione sforna un atteggiamento vocale diverso e di velluto, adatto a completare l'affresco a a delineare ombre e zona di luce a tutto tondo Stella Maris nuota in un mare di poesia e stupisce per la sua semplicità, diretta e autentica come una perla sul fondale di un mare chiamato musica italiana. Un piccolo mare, ma che riserva tesori nascosti di spiccata bellezza. Questo è Stella Maris.