Live People

Cinque concerti che hanno cambiato la vita a B.

B. è una cantante di Roma che dovete tenere d’occhio assolutamente. Cresciuta collaborando con il giro 126 - Carl Brave, Pretty Solero, Ugo Borghetti - a giugno ha pubblicato per la v4v Records il suo primo singolo da solista, Bombe, e a breve partirà con i primi live. Suonerà questo sabato a Bologna per Tutto Molto Bello, e il 12 ottobre al Largo Venue di Roma insieme ai Coma Cose. Noi gli abbiamo chiesto quali sono i concerti che le hanno cambiato la vita. Ecco cosa ci ha risposto.


Boys Noise

Visti in pieno inverno al Brancaleone di Roma, si andava ancora a scuola perciò ero in quel periodo della vita in cui riesci a fare con disinvoltura le sei del mattino. Fatto sta che nel 2013 ascoltavo prevalentemente musica di quel tipo: techno, house, deep house. Ci stavo abbastanza sotto, perciò ricordo che quel concerto lo aspettavo da molto, ed ero piana di grandi aspettative per fortuna soddisfatte alla grande. In realtà è stato un miscuglio di musica e persone belle incontrate. Purtroppo il resto, per ovvie ragioni, le ho rimosse.

Boys Noise

Radiohead

Se non sbaglio era sempre il 2013 ed eravamo a Capannelle, io e una mia carissima amica, era metà settembre. Concerto incredibile, era uscito un paio di anni prima l’album The King Of Limbs . Oltre alla performance in sé - spettacolare - ricordo che mi colpì molto tutta la scenografia, queste luci accecanti... era tutto davvero molto curato.


Bjork

Altro momento altissimo. Auditorium parco della Musica, Roma. Più o meno tre anni fa. Lei la seguo quasi da sempre, e sono grande fan dei suoi lavori, soprattutto i primi. Sul palco con lei una piccola orchestra ed una scenografia incredibile fatta di forme sullo sfondo che richiamavano tutto un immaginario legato al suono. Lei è una grande ricercatrice per quanto mi riguarda, e vederla live è stato uno dei momenti più intensi vissuti ad un live.

Verdena

GRANDISSIMA FAN. Stiamo parlando del 2011, Circolo degli Artisti Roma. Loro li ascolto davvero da sempre, ho un grande attaccamento a tutto ciò che hanno fatto, e lì rispetto per l’evoluzione artistica che hanno avuto. Per me fu una grande emozione quando mi regalarono il biglietto del concerto. Ci andai con una persona cara che adesso non vedo più e fu veramente bello. Non c’era tantissima gente quindi la situazione fu quasi intima, eravamo davvero ad un passo dal palco e sembrava di stare lì sopra con loro. È uno di quei momenti che anche se la mia memoria vacilla sempre un po’, ricordo con il sorriso.


Stevie Wonder

Al Lucca summer festival, 2014. Beh, credo sia scontato il motivo per cui ho inserito questo concerto tra i migliori. Cioè, praticamente ho visto live un colosso della musica, quindi l’emozione principale era totale stupore, curiosità. A parte i musicisti che erano dei mostri, lui semplicemente “divinità”. È stato particolarmente bello anche perché penso che tutti noi del pubblico, in misura diversa, abbiamo vissuto la stessa sensazione. Capita di rado ad un concerto, e il risultato è stato magico.